English | Italiano

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

eventi

Prossimi appuntamenti con la musica di Luciano Berio

in
Concerto

Il 2015 si apre con una ricca serie di concerti con musiche di Berio. Qui di seguito proponiamo una selezione degli eventi piĂč rilevanti da gennaio a marzo (per il programma completo cfr. il Calendario delle Esecuzioni).

Proseguono le performance di Workwithinwork, la coreografia ideata da William Forsythe sui Duetti per due violini di Berio, stavolta eseguita dal Ballet ZĂŒrich: nove appuntamenti fra gennaio e giugno si terranno all’Opernhaus di Zurigo, e a Winterthur il 25, 27 e 28 febbraio.
Il 31 gennaio Voci Ăš in programma a DĂŒsseldorf, con il violista Nils Mönkemeyer e i DĂŒsseldorfer Symphoniker diretti da Christian Lindberg.
Il 1° febbraio la Sequenza VIII per violino viene eseguita da Sergej Krilov al Teatro della Pergola di Firenze.
OfanĂ­m Ăš in programma il 1° marzo a Lugano in prima esecuzione svizzera sotto la direzione di Arturo Tamayo, con la partecipazione di Heike Möhlen, l'Ensemble 900, il Coro ClairiĂšre del Conservatorio della Svizzera Italiana e con la parte elettronica curata dall’equipe di Tempo Reale; in programma anche O King e Thema (Omaggio a Joyce).
Le Siete Canciones populares españolas di De Falla-Berio vengono eseguite il 6 marzo a Lugano da Luisa Castellani e l’Orchestra della Svizzera Italiana, sotto la direzione di Pablo GonzĂĄlez.
Il 29 marzo Ricorrenze per flauto, oboe, clarinetto, corno e fagotto ù in programma a Parigi, eseguito dai solisti dell’Ensemble Intercontemporain.

News e nuovi appuntamenti

in
Concerto

L’autunno 2014 ù costellato da alcune esecuzioni di opere di Luciano Berio meritevoli di segnalazione.
Turandot di Puccini con il finale composto da Berio nel 2001 Ăš in scena dal 12 al 19 novembre all’OpĂ©ra di Nizza con la direzione musicale di Roland Böer e la regia di Federico Grazzini.
Il 13 novembre Emilio Pomarico dirige Coro al Teatro ColĂłn di Buenos Aires con la Buenos Aires Philarmonic Orchestra e il Coro DiapasĂłn Sur.
I Duetti di Berio sono in programma nel Festival d'Automne di Parigi in due diverse occasioni. Il 22 e 26 novembre e il 6 dicembre una selezione di Duetti viene affiancata a estratti di Ambidextre di Macé e Kontatke di Stockhausen in un creativo mosaico eseguito dagli studenti della Rameau middle school a Versailles diretti da Christophe Junivart.
Workwhitinwork, la celebre interpretazione di William Forsythe dei Duetti di Berio, sarĂ  in scena a Parigi (17-26 novembre) e in altri luoghi e date con il Ballet de l’OpĂ©ra de Lyon all'interno di un "Ritratto" del coreografo americano, presentato nella cornice del Festival d’Automne.
Il 16 novembre Juraj Valčuha dirige l'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI e il violista Antoine Tamestit in Voci (Philharmonie, Colonia).
Per il calendario completo delle esecuzioni cliccare qui.
Il 18 e il 19 ottobre Ăš andata in onda sulle frequenze di Radio Classica una puntata del programma “Note d’autore, a tu per tu con i compositori d’oggi” interamente dedicata a Luciano Berio con un’intervista a Angela Ida De Benedictis, curatrice del volume Luciano Berio: Scritti sulla musica, inframmezzata da una selezione di estratti musicali. Il programma puĂČ essere riascoltato in podcast sul canale Soundcloud di RadioClassica.
In ottobre 2014 la casa discografica finlandese Ondine ha pubblicato un nuovo CD con Hannu Lintu che dirige la Finnish Radio Symphony Orchestra in Sinfonia, Quattro versioni originali della "Ritirata Notturna di Madrid di L. Boccherini" e Calmo, con la partecipazione del mezzosoprano Virpi RÀisÀnen.

Radio Classica per Luciano Berio

in
News e nuovi appuntamenti
Evento

Sabato 18 ottobre alle ore 12 andrĂ  in onda sulle frequenze di Radio Classica una puntata del programma “Note d’autore, a tu per tu con i compositori d’oggi” interamente dedicata a Luciano Berio (per le frequenze e lo streaming cliccare qui). La curatrice del volume Luciano Berio: Scritti sulla musica Angela Ida De Benedictis sarĂ  intervistata a proposito del suo lavoro di curatela e piĂč in generale sulla figura e l’importanza del compositore nel panorama musicale del Novecento. Il programma potrĂ  essere ascoltato in replica domenica 19 ottobre alle ore 23 e successivamente in podcast sul canale Soundcloud di RadioClassica.
Dal 12 al 19 novembre, all’OpĂ©ra di Nizza sotto la direzione musicale di Roland Böer e le scene di Federico Grazzini andrĂ  in scena il dramma lirico Turandot di Giacomo Puccini con il finale composto da Luciano Berio nel 2001.
Il 13 novembre al Teatro ColĂłn di Buenos Aires Emilio Pomarico dirigerĂ  la Buenos Aires Philarmonic Orchestra e il Coro DiapasĂłn Sur in Coro.
I Duetti di Berio sono in programma nel Festival d'Automne di Parigi in due diverse occasioni. Il 22 e 26 novembre e il 6 dicembre una selezione di Duetti viene affiancata a estratti di Ambidextre di Macé e Kontatke di Stockhausen in un creativo mosaico eseguito dagli studenti della Rameau middle school a Versailles diretti da Christophe Junivart.
Workwhitinwork, la celebre interpretazione di William Forsythe dei Duetti di Berio, sarĂ  in scena a Parigi (17-26 novembre) e in altri luoghi e date con il Ballet de l’OpĂ©ra de Lyon all'interno di un "Ritratto" del coreografo americano, presentato nella cornice del Festival d’Automne.

Per il calendario completo delle esecuzioni cliccare qui.

CSLB per LB il 24 ottobre

in
Evento

Il 24 ottobre ricorre l’anniversario della nascita di Luciano Berio.

Siamo lieti di condividere con voi in questa festosa ricorrenza un prezioso documento sonoro rinvenuto nel corso delle ricerche del CSLB, che ù costantemente impegnato nella ricognizione e nel reperimento di materiali relativi all’opera e alla vita di Luciano Berio. Si tratta di un’intervista radiofonica rilasciata da Berio a Glenn Glasow nel luglio 1962 per la radio KPFA di Berkeley. In essa il compositore trentaseienne riflette sulla propria poetica, sul suo modus operandi, sull’importanza della vita sociale nell’attività musicale e su opere chiave di quegli anni quali Circles e Tempi concertati.

Cogliamo questa occasione per dare notizia delle recenti iniziative editoriali e di ricerca del CSLB. È in corso di stampa per i tipi di Archinto la riedizione dei quattro volumi della rivista «Incontri Musicali», quaderni di musica contemporanea ideati e curati da Luciano Berio e pubblicati dalle Edizioni Suvini Zerboni di Milano tra il 1956 e il 1960. La nuova edizione, a cura di Angela Ida De Benedictis, si presenta in un box che, insieme ai quattro volumi, raccoglie in un fascicolo a sĂ© i facsimili di tutti i programmi dei «Concerti degli Incontri Musicali». ‹Dopo gli Scritti sulla musica (2013) Ăš in preparazione per la casa editrice Einaudi la prima raccolta delle interviste di Luciano Berio. Il volume, a cura di Vincenzina C. Ottomano, costituirĂ  la terza pubblicazione dell’opera «Gli scritti di Luciano Berio» diretta da Talia Pecker Berio e inaugurata nel 2006 con Un ricordo al futuro. Lezioni americane, e riunirĂ  un ampio corpus di interviste edite su quotidiani, settimanali, riviste e altre miscellanee cartacee in un ambito cronologico compreso fra gli anni ’50 e il 2003. Attraverso il dialogo tra l’intervistatore e il compositore, le interviste lasciano emergere un ritratto vivo di Luciano Berio che racconta la sua opera, il suo percorso umano, la cultura musicale e l’attualitĂ  dell’epoca.

.

in
Evento

Berio_1999_Salzburg_TPB_2_gall.jpg
Luciano e Talia Pecker Berio nella Felsenreitschule, Cronaca del Luogo, Salzburger Festspiele, luglio 1999.

© GĂŒnther Sturm

Cronaca del Luogo: a quindici anni dalla prima di Salisburgo

in
Evento

Il 24 luglio 1999 l'azione musicale Cronaca del Luogo di Luciano Berio con il testo di Talia Pecker Berio inaugurava al Felsenreitschule i Salzburger Festspiele. Desideriamo celebrare il quindicesimo anniversario di questa premiĂšre con documenti, foto e una testimonianza audio tratta da un'intervista a Luciano Berio e Talia Pecker Berio curata da Michele dall'Ongaro per RAI Radio 3.
L'estate 2014 segna anche un'altra importante ricorrenza per il teatro di Luciano Berio con i trent'anni dalla prima esecuzione di Un Re in ascolto al Kleines Festspielhaus di Salisburgo sotto la direzione di Lorin Maazel.
Questa ricorrenza verrĂ  segnalata in agosto con una ricca selezione di documenti e rappresenterĂ  anche un omaggio del Centro Studi Luciano Berio a Lorin Maazel, scomparso il 13 luglio 2014.

Per accedere ai documenti su Cronaca del Luogo cliccare qui.

Prossimi appuntamenti con musiche di Berio

in
Concerto

Il 27 maggio, nell’undicesimo anniversario della scomparsa del compositore, sono in programma tre eventi: a Madrid i Neue Vocalsolisten Stuttgart eseguono A-ronne; al Teatro Cavour di Imperia l’Eutopia Ensemble, diretto da Matteo Manzitti, esegue Folk Songs con il mezzosoprano Giulia Beatini; al Teatro Olimpico di Roma l’Ater Balletto si esibisce nella coreografia Workwithinwork, creata da William Forsythe sui Duetti per due violini (in programma anche il 28 maggio).
Il 13 e 14 giugno Gaetano d'Espinosa dirige l'Orchestra del Teatro La Fenice in Rendering (Venezia, Teatro Malibran).
Il 6 luglio la Junge Sinfonie Reutlingen, diretta da Rainer M. Schmid, esegue Rendering nel programma del Sommerkonzert 2014 (Reutlingen, Stadthalle).
Il 16 luglio a Siena, nella cornice dell’Estate Musicale Chigiana, Carmelo Giallombardo (viola) e Jonathan Faralli (percussioni) eseguono Naturale, con la regia del suono di Francesco Giomi.
Uno degli appuntamenti piĂč interessanti dell’estate Ăš il concerto del 5 agosto alla Royal Albert Hall di Londra, con Semyon Bychkov che dirige la European Union Youth Orchestra e i London Voices in Sinfonia, nel programma dei BBC Proms 2014. Il concerto figura tra i «Top Ten» eventi del Proms scelti da Ivan Hewett, uno dei piĂč illustri critici musicali inglesi.

Coro a Lucerna, Oslo e Buenos Aires 

in
Concerto

Il 23 agosto il Lucerne Festival 2014 ha dedicato il suo sesto concerto sinfonico ad una magistrale esecuzione di Coro di Luciano Berio diretto da Sir Simon Rattle. Affiancato dal direttore del coro James Wood, Rattle ha preparato i giovani talenti – strumentisti e cantanti – riuniti da ogni parte del mondo per l’undicesima edizione della Lucerne Festival Academy, fondata nel 2004 da Pierre Boulez. Per una rassegna fotografica di alcuni momenti delle prove e dell’esecuzione di Coro a Lucerne cliccare qui.
L’incontro tra l’illustre direttore dei Berliner Philharmoniker (che con loro diede nel 2010 una memorabile interpretazione di Coro, sempre con James Wood), il direttore del coro e i giovani musicisti si Ăš trasformato in un vero e proprio laboratorio giungendo ad un’intensa esperienza musicale e umana che ha reso appieno lo spirito dell’opera di Luciano Berio, da lui paragonata ad un «progetto di una cittĂ  della mente che si realizza a diversi livelli, che produce, raccoglie e unifica cose e persone diverse, presentandone i caratteri individuali e collettivi, le lontananze, le parentele e i conflitti, entro confini reali e virtuali a un tempo.» (per la nota d'autore completa su Coro link; per una nota sinottica sull’opera link).
Il concerto sarà trasmesso su BR-Klassik l’11 settembre alle ore 20 e accessibile in streaming al seguente link. Per il programma del concerto cliccare qui.

.

in
Evento

Berio_Salmon.jpg
© Jacqueline Salmon

Luciano Berio: Omaggio

in
Evento

Il 27 maggio ricorre l'undicesimo anniversario della morte di Luciano Berio. Desideriamo segnalare questa data con una selezione di alcuni momenti salienti dell'ultima intervista del compositore tratta dal video Omaggio. Registrata a Roma l'8 aprile 2003, l'intervista Ăš stata condotta da Gillian Moore e ShĂąn MacLennan per il Southbank Centre di Londra che nel 2004 realizzĂČ un festival dedicato interamente al compositore dal titolo ÖČ«Omaggio: a Celebration of Luciano Berio».
Luciano Berio, a partire dalle domande dei due intervistatori, racconta alcune tappe fondamentali del suo percorso umano e artistico: la sua esperienza di musicista, il suo legame con la cultura e la musica popolare, una riflessione sulla tecnologia. La testimonianza si chiude con un intenso pensiero rivolto al futuro della musica, alle modalità di ascolto e all'unità dell'esperienza musicale nelle sue interazioni tra tradizione classica, pop, jazz: «There are certain deep, solid roots in what we do that cannot be changed or destroyed».

Per ascoltare alcuni estratti dell'intervista, cliccare qui.