English | Italiano

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Claudio Abbado

Pensiero per il decennale di Luciano Berio

Ho ricordi molto intensi delle diverse volte in cui ho avuto occasione di eseguire la sua musica e misurarmi con il suo grande talento nelle sale importanti di tutta Europa. Ritorno con la mente a Parigi, nel 1980, con l’Ensemble Intercontemporain, e ancora nel 1985 a Londra, alla Barbican Hall con la London Symphony Orchestra e gli amici Bruno Canino e Antonio Ballista; e poi a Vienna per il Festival Wien Modern e a Ferrara, nel novembre del ’90, con la Chamber Orchestra of Europe. E infine alla Philarmonie di Berlino, nel dicembre 1993, con i Berliner Philarmoniker e l'"Ankor" Children Choir di Gerusalemme. Momenti indimenticabili dell’incontro con le musiche di Luciano, con il quale eravamo buoni amici e ci conoscevamo fin dai tempi degli studi al Conservatorio di Milano: lui terminava gli studi di composizione e direzione, mentre io portavo avanti i miei studi di pianoforte, composizione e direzione d’orchestra.
Dopo la guerra, erano gli anni in cui si conoscevano e si eseguivano, anche in prima esecuzione, musiche della Wiener Schule (Arnold Schoenberg, Alban Berg, Anton Webern) insieme alle composizioni di Stravinskij e Bartok.
In un periodo immediatamente successivo, in cui si cominciavano a conoscere le musiche di Karlheinz Stockhausen, Luigi Nono, Bruno Maderna, Pierre Boulez, anche grazie a Luciano si sono aperti nuovi orizzonti e conoscenze delle ricerca in campo musicale, sempre illuminati dal suo straordinario spessore culturale.

Claudio Abbado